giocahino rossini
In linea con il più vasto e articolato progetto “Celebrazioni Centenari Rossiniani” nonché con l’atto di indirizzo per la valorizzazione di Rossini aldilà ed oltre il suo genio musicale, il Comune di Pesaro, in collaborazione con l’AIPFM – Associazione Italiana per la Promozione della Festa della Musica, propone il progetto “A scuola di Rossini” il quale, in preparazione delle specifiche celebrazioni per il 150° anniversario della morte di Gioachino Rossini, che sarà celebrato il 13 novembre del 2018, si propone di sviluppare nelle scuole (primarie, secondarie di primo e secondo grado) e nei Conservatori una conoscenza approfondita della sua figura e delle sue opere a partire dall’annualità 2017 mediante la condivisione e il necessario supporto del MIUR e suoi Dipartimenti interessati.
In linea dunque con il più vasto e articolato progetto “Celebrazioni Centenari Rossiniani” nonché con l’atto di indirizzo per la valorizzazione di Rossini aldilà ed oltre il suo genio musicale, il Comune di Pesaro, in collaborazione con l’AIPFM – Associazione Italiana per la Promozione della Festa della Musica,  propone il progetto “A scuola di Rossini” il quale, in preparazione delle specifiche  celebrazioni per il 150° anniversario della morte di Gioachino Rossini, che sarà celebrato il 13 novembre del 2018, si propone di sviluppare nelle scuole (primarie, secondarie di primo e secondo grado) e nei Conservatori una conoscenza approfondita della sua figura e delle sue opere a partire dall’annualità 2017 mediante la condivisione e il necessario supporto del MIUR e suoi Dipartimenti interessati.
Sulla base degli approfonditi e rigorosi studi promossi e realizzati in oltre quaranta anni dagli  Enti pesaresi depositari della tradizione rossiniana (ROF, Fondazione, Conservatorio), sulla base altresì  delle best practices frutto delle ricerche e delle esperienze dei medesimi, si intendono promuovere assi di intervento modulati in base ai diversi livelli formativi interessati, che  pur partendo da un rigoroso rispetto dell’autenticità dei contenuti  siano in grado di proporre format definiti per la diffusione della conoscenza della vita e delle opere di Rossini secondo il principio della qualità della restituzione; inoltre, in linea con gli indirizzi di cui alla citata DGC 63/2016, si intende promuovere la ricerca e lo studio sul tema della cucina legata al noto compositore.
La metodologia prescelta è quella del coinvolgimento e della partecipazione diretta del mondo giovanile: i ragazzi si approcciano alla conoscenza del “patrimonio rossiniano” e diventano loro stessi protagonisti nel realizzare ed eseguire, anche in chiave moderna, le musiche più famose del celebre compositore e nel trasmettere quanto appreso ad altri studenti, si rendono altresì protagonisti di una “esplorazione sensoriale” legata alle passioni gastronomiche del Maestro con possibilità di elaborazioni creative.
logo fdm nero e basso

Dilettante o professionista,
ognuno si può esprimere liberamente,
la Festa della Musica appartiene,
prima di tutto, a coloro che la fanno.

www.festadellamusica.beniculturali.it